Prendo questa foto come esempio per rispondere a chi mi chiede: “Ma tu adesso vendi Prodotti Juice Plus?”

“No, cara, io i prodotti Juice Plus li COMPRO! Per me e per chi sta con me ….Noi li consumiamo con regolarità”

Avevo qualche chilo in più, nella primavera del 2017. Volevamo visitare Tenerife, per decidere se venire a viverci.

L’estate prima ero stata in una splendida vacanza a Gerusalemme e non avevo pensato a rimettermi in riga.

Non so se capita anche a te, ma io, quando sono a posto e “mi scappa solo un po’ la mano”, non ho problemi a ricorreggermi. Quando il danno è più serio, invece di mettermici con lena per ripararlo, obbedisco con pigrizia al “beh, ma tanto, ormai ….”

Così era la questione del mio peso: piano piano, i chil che mi si accumulavano addosso richiamavano sempre più gelati e sgarri, invece che una sana ora di palestra!

Forse non sarebbe bastato neppure il soggiorno previsto a Tenerife, se il mio P.S. -che mi aiuta nei modi più eclettici- non mi avesse messo sotto il naso un annuncio su Facebook di un’amica virtuale che conoscevo appena.

L’amica, nel post, prometteva TANTO in sole 8 settimane.

Quelle che mi mancavano per partire.

Strano, pensai: eravamo in marzo, ancora lontani dallo spauracchio della prova costume. Il messaggio sembrava scritto apposta per me.

appetite-bowl-centimeter-1332189 (1)

Mi misi in chat tanto per curiosare e mi attirò moltissimo tutto ciò che l’amica virtuale mi offriva, per NULLA di costo.

Ero ancora abbastanza estranea alla splendida gratuità online, che tuttora apprezzo con riconoscenza.

Mi sembrava geniale, insomma, avere tutto a mia disposizione (soprattutto il fatto di essere seguita individualmente) a costo zero. Avrei pagato i pasti (“ovvio!” rispondevo quasi scandalizzata) e quello che capivo che potesse aiutare ME, con la mia storia di ritenzione nelle gambe, per esempio.

Punto.

Decisi, ordinai e pagai nel giro di mezz’ora, anche perchè mi si piantò subito un’idea nel cervello. Fissa come un chiodo: potevo servire da modello in famiglia, dove non ero l’unica a lamentarmi dei chili di troppo.

Copia di base post megafono

Ed è successo tutto in un lampo: bikini in arrivo e occhi addosso dei familiari mi sono bastati per rispettare alla lettera le indicazioni che ricevevo con costanza.

Era come un gioco, una scommessa con me stessa. Mi spronava soprattutto il Gruppo. Tante donne che avevano ottenuto o stavano ottenendo il loro risultato.

“Anch’io ci riesco, chiaro no?”

“Sì cara, vedrai: tieni duro! Prima di aprire il frigo, chiamami. O scrivimi! Non pensare mai che è per sempre… bada ad oggi, nulla più!”

È stata davvero una soddisfazione farcela in così poco tempo. Tutte e due: mia figlia ed io.

Personalmente ho comprato il codice di Franchise il primo maggio (festa dei lavoratori! Quando si dice il caso …) semplicemente per risparmiare.

Ci si iscrive infatti con una spesa esigua, senza nessun obbligo di fatturato. Quindi potevo essere l’unica cliente di me stessa ed avrei avuto, fin da subito, una commissione sui MIEI acquisti. Potevo anche chiamarla “Sconto”, un comodo 10%.

Poi, ecco che amiche ed amici dicevano di vedermi “sciogliere come neve al sole” ed hanno avuto fiducia!

È stato così che ho cominciato a valutare l’idea di diffondere il messaggio anche al di fuori della mia cerchia ristretta di conoscenze.

Nel frattempo, infatti, avevo letto molto perché per prima mi ero stupita del successo radicale di “cambi” che non mi sembravano poi la fine del mondo…ed è stato quando, una volta in più, mi sono resa conto di “quanto NON SO, quando CREDO DI SAPERE”

Ho continuato euforica un paio di mesi, poi … il trasloco e la mia famiglia divisa!

Con i miei figli ero stata una cosa sola per tanti anni, soprattutto dopo che li avevo riportati in Italia, staccandoli dal padre che era rimasto con la sua nuova famiglia in Messico.

Eppure, la Salute, di nuovo vestita di scuro, non ammetteva repliche: quello che pochi mesi prima ci sembrava un anno sabbatico di piacere e gloria, si tramutava in un MUST.

Ecco che il mio percorso di vita cambiava il suo rumbo: i prodotti che avevo consigliato per perdere chili diventavano nostri alleati fissi in una partita più complessa.

Pensavo al mio compagno e a me, lontana da discorsi estetici e di autostima. Per quanto fossero stati importanti, erano ormai surclassati, per noi, dai benefici che ci regalavano pasti ed integratori ogni giorno. Energia, appoggio, un’iniezione di coraggio quotidiana.

Ormai convinta fino al midollo di potere, e di dovere, fare qualcosa per chi io possa raggiungere.

Quante persone, online e offline, potrebbero infatti trarre benefici enormi, da un corretto Stile Alimentare?

Integrato, come oggi conviene ed è necessario.

Unico requisito richiesto: un atto di fiducia per INIZIARE. Anche con un piccolo passo.

Dopo, quando i benefici li senti sulla tua pelle, puoi solo ringraziare di averli conosciuti, no?

Ecco dunque perché mi sono messa a scrivere, creando questo blog.

Schermata 2019-07-23 alle 09.22.25

Studiando, alla mia più non verde età, come si struttura o come si scrive online.

Diversissimo da come ho sempre scritto io, sulla carta, insomma.

Ed eccomi qui, infine, con blog, video, Facebook, Instagram, WhatsApp.

Io???

Sì, con Voi e per Voi: facciamo un pezzetto di strada insieme?